progssaxx-Benvenuti nei borghi marinari e nei porti didattici ricreativi del CILENTO

Finalità del Festival delle Arti marinare cilentane

   Lo scopo del Festival delle Arti Marinare Cilentane è di promuovere la cultura del mare e dell'ambiente, valorizzare gli ecosistemi marini e favorire lo studio intorno al rapporto tra uomo e mare, fra natura e attività colonizzatrice dell’uomo, sostenere e rafforzare la tradizione marinara del Cilento, in particolare nella sua configurazione ludico-sportiva e lavorativa.    Il Festival è rivolto principalmente agli istituti scolastici di ogni ordine e grado e a tutti gli appassionati di mare, proponendosi come strumento di confronto, analisi, informazione e formazione.

10330498_10204973429684172_2509481194361615287_n20882804_1861298783887080_7479011294303693112_n

  La tradizione marinara cilentana affonda le sue radici nel periodo storico dei greci e dei romani, i quali costruirono città di mare, porti ed empori commerciali, lungo la costa; poggia le sue fondamenta nei borghi marinari e nei porti; nel duro lavoro di vanga e aratro, ascia e remo, di tanti uomini e donne cilentani; nell’andirivieni giornaliero delle paranze e delle cianciole, nella preparazione delle coffe e dei tremagli, nelle attività svolte nei piccoli cantieri navali e nei magazzini dei pescatori, nei centri nautici dei velisti e dei subacquei, nelle escursioni turistiche con i barcaioli e  nella pescaturismo, tra fari e torri di avvistamento, nei 150 km di costiera e nelle sue aree marine protette, nonché, nella narrazione mitologica dell’Odissea e dell’Eneide, con il mito della Sirena Leucosia e il mito di Palinuro.
 
DSC_7445DSC_5317










  La manifestazione marinara, progettata e sperimentata, consolidata e promossa, tra i moli del porto e fra i vicoli del borgo marinaro di Acciaroli e poi estesa anche in altre località della costa del Cilento,  prevede una serie di attività didattiche, ludiche e ricreative, inserite nei Campus del Porto Didattico Ricreativo, realizzate sui porti e nei borghi marinari cilentani, tra i luoghi di lavoro ed i punti di interesse, fra i moli e le banchine, le botteghe artigianali ed i magazzini dei pescatori, i centri subacquei, i cantieri navali e le capitanerie di porto, che si trasformeranno in vere e proprie aule didattiche sensoriali dove si svolgeranno attività di studio, incontri e laboratori, sperimentazioni dimostrative e momenti ludico ricreativi. 

20000










  
La kermesse è rivolta principalmente agli istituti scolastici, di ogni ordine e grado,  con il fine di coinvolgere studenti e docenti in un percorso semplice, leggero ed interattivo, a diretto contatto con l’ambiente e le persone che vivono con il mare e svolgono le attività ad esso correlate. Marinai, pescatori, velisti, maestri d’ascia, subacquei, barcaioli, studiosi e ricercatori, guide ed accompagnatori, ristoratori e artigiani, artisti ed appassionati di mare, saranno i docenti di questa innovativa e coinvolgente esperienza umana, tecnica e culturale.
  

66666










    Nella consapevolezza che il mare, oltre ad essere una risorsa naturale e culturale, è anche una risorsa economica, l’obiettivo del festival è di contribuire al sostegno, allo sviluppo e al rafforzamento del comparto marittimo cilentano e nazionale, tentando di stimolare negli studenti e negli appasionati di mare la curiosità, la passione e il piacere della scoperta delle attività marittime, ed anche di suscitare in loro l'interresse ad intraprendere, in base alle proprie attitudini, una delle molteplici "Arti", professioni e mestieri, perseguibili nel comparto nautico.  L'ingegneristica navale, la cantieristica ed a tutte le attività indotte, la portualità turitica, il disportismo nautico, l'escursionismo via mare, il chartering nautico, la pratica della vela e della subacquea, l’esercizio della pesca professionistica e sportiva, le attività legate al turismo balneare, al commercio, l’artigianato, e tutte le attività dell'indotto nautico, potranno essere delle vere e qualificate opportunità di lavoro e sbocco professionale per tanti giovani e, dall'altra parte, queste tipologie di lavoro saranno necessarie per sostenere, consolidare e migliorare il settore nautico del Cilento,  garantendo una continuità alla tradizione marinara cilentana.

DSC_4257DSC_8000IMG_1424